La navetta Soyuz atterrata di Crescenza Caradonna

‹ La navetta Soyuz atterrata ›

 
Si è conclusa la missione record dell’italiano Luca Parmitano che dopo l’atterraggio è apparso in ottima forma: sorrideva ed esultava.
Nella steppa del Kazakistan  è atterrata la navicella,  con l’astronauta italiano a bordo  c’erano Fyodor Yurchikhin (russo) , Karen Nyberg ( americana) e la torcia olimpica dei giochi invernali in programma per febbraio 2014 in Russia a Sochi; il viaggio di rientro è durato tre ore circa mentre la permanenza dell’italiano nello spazio sei mesi questa missione denominata ‹Volare › dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) è stata la più lunga con un bilancia positivo come ha dichiarato lo stesso presidente dell’ Asi, Enrico Saggese, subito dopo la straordinaria avventura spaziale.
L’Italia che tutti auspichiamo si è fatta onore@

di

Cresy Crescenza Caradonna
 
 
L’esultanza di Parmitano dopo l’atterraggio (Ap)
 
 
 
Il paracadute della Soyuz poco prima dell’atterraggio (Epa)
 
Il momento dell’atterraggio della capsula (Ap)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un pensiero su “La navetta Soyuz atterrata di Crescenza Caradonna

Se ti piace l'articolo lascia un commento...grazie!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...