‹Tra mare sole e …una storia incompleta›_di crescenzacaradonna

‹Tra mare sole e …una storia incompleta›

13903193_1352816151412628_8147790562015997453_n

     Caldo africano voglia di mare  andare lontano dalla mia città? Una città circondata dal mare no decido di recarmi lì a due passi dove l’azzurro è così intenso che si fa fatica a guardarlo nei riverberi di un sol leone di fine luglio. M’alzo di buon ora  prendo la borsa con: abbronzante total-body, asciugamano carino stampa pesci e delfini, bottiglietta d’acqua ghiacciata, pacchetto di snack per eventuali languorini, (lo iodio dicono aumenti l’appetito), cuffiette per ascoltare la musica, inforco gli occhiali mega grandi super schermati contro i raggi ultravioletti e vado.
Dove? Ma lì a due passi da casa mia tra i flutti del mio amato mare barese, dove l’acqua salata sa di tradizione e di storia, la storia dei miei genitori, dei genitori dei miei genitori, dei genitori dei genitori, wow, penso, mentre in macchina percorro il lungomare trafficato, non riesco a contare nemmeno quante generazioni prima di me ci siano state nella  mia famiglia. Avi tanti avi che ora sono, lì sotto forma  di particelle invisibile del grande immenso mar mediterraneo.

     Così, presa tra i miei pensieri, accosto la macchina sul litorale prospiciente alla famosa, per noi terroni baresi, Torre Quetta, pagare il biglietto per entrare nella mia terra per un pochino di sole? No! Decido di andare oltre dove la spiaggia è libera, che mai l’avessi pensato e poi fatto!
Sassi grandi, ma che dico, macigni, sotto i miei piedi  per arrivare al goloso mare auspicato, prima però d’aver percorso una strada terrosa tra erbacce, bottiglie di birra peroni, pezzi di ciabatte, plastica di ogni specie e forma, ecco … ‘il mare’.
Mi guardo attorno, anzi per terra, e cosa vedo lì, proprio dove avevo deciso di stendere le mie quattro ossa vogliose di sole, mare e relax, cacca…sì proprio lei , essa, la regina era lì dominava lo scenario  marino tra immondizia e alghe secche, senza ma e senza se, c’era punto! Che fare? Niente sì niente… perché questa mia bella città, questo crogiolo tra oriente ed occidente, è veramente un grande gabinetto a cielo aperto.

     Delusa ed amareggiata, con l’entusiasmo sotto i piedi tra quei rifiuti indecenti e luridi, giro i tacchi, come si suol dire, e vado via non prima di aver immortalato quel magnifico azzurro di mare che par  amoreggiare con il cielo turchino ed il luminoso giallo sole, in fotografie nelle quali niente è come sembra.@

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

13882106_1352840288076881_2188139049436612908_n

CRESCENZA CARADONNA

Un pensiero su “‹Tra mare sole e …una storia incompleta›_di crescenzacaradonna

Se ti piace l'articolo lascia un commento...grazie!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...