INTERVISTA CONFESSIONE A MINO BALESTRA: quello che non ha mai detto_di Crescenza Caradonna

ESCLUSIVA

INTERVISTA CONFESSIONE A MINO BALESTRA:
quello che non ha mai detto.

22806_10206553051366339_4413067137235996143_n
Mino Balestra

Mino Balestra  il noto  anchorman pugliese, si confessa in una intervista a cuore aperto, quello che non ha mai detto e che invece avrebbe voluto dire ora diventa verità,  la sua verità pubblica  diventa un libro aperto senza ma e senza se.

Ad intervista chiusa ha dichiarato:
“Oggi comunque con il diffondersi della web-tv , basta una telecamera e qualche buon argomento per essere apprezzato da qualcuno ed io già mi sto adeguando…anche da solo….forse perché è sempre valido il detto….CHI FA DA SÈ FA…PER TRE…IO…VOI…IL MONDO…O…QUASI…!”

E come dargli torto: un personaggio del quale ho apprezzato sia la generosità artistica che quella  privata cosa rara nel mondo fatato dello spettacolo.


Mino Balestra, showman a tutto tondo, l’etimologia della parola in italiano significa uomo di spettacolo, per chi non la conoscesse ancora come le piacerebbe essere chiamato?

“Le piacerebbe” non mi piace meglio “Ti “, grazie intanto per questa intervista e ti confesso che questa è la terza o quarta volta che mi capita in tanti anni, ne sono lusingato anche perché mi viene fatta da te che stimo molto ,come scrittrice, poetessa, giornalista blogger organizzatrice di eventi….comunque nel modo dello spettacolo sono pochi quelli che possono chiamarsi showman e pertanto basta solo…. Mino Balestra conduttore radiotelevisivo .

Pionere delle radio libere le manca la radio?

Certo la radio, mio primo amore, è stata sicuramente il trampolino di lancio della mia carriera radio televisiva sin dal 1975 quando risposi ad un’annuncio di BARI RADIO UNO e siccome all’epoca facevo il disc-jockey in una delle prime discoteche di Bari COMPUTER CLUB Via Dante 394 ti dico l’indirizzo perché era uno storico locale, molto in voga all’epoca.
Pertanto avendo a che fare con i dischi mi è stato semplice presentare i dischi in radio.
Il successo radiofonico arriva con la storica trasmissione “IL DOMESTICO” su canale 100. Infatti le signore di Bari ancora oggi si ricordano dei miei commenti mattutini sulle loro abitudini in casa mentre erano intente a fare faccende domestiche. Ero molto richiesto da molte radio ecco perché ho cambiato tantissime emittenti con la speranza di guadagnare qualche lira, cosa che non è mai successo per questo avevo questi cambi repentini. Un po’ pure perché ero molto invidiato per le mie numerose amicizie femminili e quindi molte erano i pettegolezzi sulla mia vita privata tanto che mi costringevano ad allontanarmi, intanto chi mi seguiva in radio ci metteva poco a ritrovarmi su di un’altra frequenza.
Finalmente trasmettendo su BARI CANALE 88 poiché con il mio programma “BUONA GIORNATA “ ero entrato in una classifica nazionale fatta da un settimanale molto diffuso in Italia tanto che per due settimane sono stato al primo posto con i voti ricevuti dalla sola Bari e provincia, superando CHIAMATE ROMA 3131, trasmissione molto famosa su tutto il territorio nazionale e che aveva ricevuto voti da tutta l’Italia. Eccomi allora arrivato nel 1988 A RADIONORBA dove per 4 anni sono stato il mattatore mattutino con il programma DI BUON ORA CON BUON UMORE, con questo programma ascoltato in mezza Italia, ho raggiunto qualche traguardo che fino allora mi sembrava impossibile, a cominciare dai compensi per finire in televisione dove ho cominciato con le televendite la prima fra tutte EMINFLEX, quella dei materassi.
Quante critiche ho ricevuto perché facevo il televenditore, poi ho scoperto nel tempo che erano le stesse persone che si proponevano senza volere alcun compenso pur di apparire in tv.
Ho abbandonato IL GRUPPO NORBA (radio e televisione) allorquando mi accorsi che c’era qualcuno che mi remava contro, lo stesso signore che indicai io stesso come possibile direttore dei programmi radio, visto che mi era stata offerta questa opportunità ma essendo impegnato con l’azienda familiare, le serate come presentatore, le registrazioni dei programmi di televendite, il programma mattutino quotidiano, sarei stato impossibilitato a fare pure il direttore dei programmi della radio. Ultima esperienza radiofonica MADE IN ITALY da dove poi è partita un’altra avventura cioè quella delle BATTAGLIERE , storia che richiede un capitolo a parte.
Mi piacerebbe fare ancora radio…ma oggi gli editori preferiscono computerizzare tutto e non avere a che fare con speaker o conduttori in genere troppe spese e poca pubblicità.

La sua carriera l’ha visto affiancarsi a celebri personaggi dello Show business, chi le è rimasto particolarmente nel cuore?

A livello locale i primi passi in questo variegato mondo dello spettacolo li ho mossi grazie ad ENZO ZAMBETTA come del resto, più o meno, tutti quelli che della mia generazione evito di fare i nomi perché c’è qualcuno che non lo riconosce, comunque è notorio che il mio rapporto con ZAMBETTA non è stato sempre rose e fiori per colpa sua.
Un’altra persona a cui devo tutta la mia modesta notorietà è VITO ZIVOLI già socio fondatore di TELENORBA che ho conosciuto ai tempi dei miei impegni con RADIONORBA E TELENORBA e che allorquando decise nel 2003 di costruire PUGLIACHANNEL, prima emittente satellitare pugliese visibile in tutta l’Europa e i 40 paesi del mediterraneo, pensò di chiamarmi per condurre il primo programma in assoluto messo in onda sin dai primi giorni cioè “DALLA PUGLIA CON”. Per 7 anni ogni giorno per quasi 1700 puntate con questo programma siamo riusciti ad entrare nelle case dei pugliesi e non, residenti all’estero o nelle altre regioni d’Italia a riprova del loro attaccamento ho ricevuto oltre 100.000 lettere e cartoline. Anche per questo avrei da raccontare aneddoti a iosa.

Ha lavorato nelle televisioni più importanti pugliesi da Telenorba, all’emittente televisiva satellitare Puglia Channel che trasmetteva in chiaro per l’Europa e nord America coprendo l’intero bacino del Mediterraneo e degli Emirati Arabi,ora chiusa, portando la cultura in tutto il mondo, ricordando a quel periodo, ha più nostalgia o rimpianti?

Per la mia collaborazione con TELENORBA un solo rimpianto non aver ricucito lo strappo, che si era creato per i motivi già espressi in precedenza, con l’allora Vice Presidente dott.Spada che mi invito più volte a ritornare, infatti oggi andando in pensione avrei ricevuto una bella somma come pensione. Mentre ho una grande nostalgia dei telespettatori PUGLIACHANNEL, alcuni dei quali diciamo pure qualche migliaio, li ho conosciuti personalmente sia perché sono venuti a trovarmi in trasmissione sia perché invitato da loro nelle loro residenze anche all’estero. Purtroppo l’editore VITO ZIVOLI ha dovuto chiudere le trasmissioni per mancanza di sponsor oltre che si diceva in giro che Pugliachannel non la vedeva nessuno.

La sua brillante carriera radio-televisiva ha avuto un pit stop dovuto ad un problema di salute, cosa le ha tolto e cosa le ha dato, a livello inter-personale e professionale, in più o in meno?

Sono passati 5 anni dal giorno in cui sono stato sottoposto ad un’intervento di emiglossoctomia e per un presentatore e come spezzare le gambe ad un ballerino. Infatti il problema localizzato proprio sulla lingua poteva anche risolversi non parlando più o ancora peggio, oggi trovandomi già nel mondo dei più non avrei potuto fare questa intervista. Comunque dopo qualche mese di abbattimento psicologico, la mia voglia di riscatto mi ha portato dopo qualche tempo davanti le telecamere di una tv satellitare di Barletta, il cui editore non solo ha tentato di scopiazzare il nome di Pugliachannel chiamando la sua emittente VIVA PUGLIA CHANNEL, ma ha pensato bene di fare accordi con una mia collaboratrice di studio con la quale poi ha creato le condizioni per farmi fuori STORIE incredibili ma vere. A livello professionale non ho potuto e non posso piu’ fare serate come presentatore perché ho qualche problema nel parlare, anche se cerco di vincere questa mia inabilità parlando in video diretta su Facebook che mi ha fatto riscoprire tante persone nuove e tanti amici telespettatori da tutta l’Europa

Mino Balestra è molto amato sul web dai giovani, si è dato una risposta a questo suo successo sui social-network?

Si credo di essere uno vero che dice pane al pane e vino al vino…qualcuno mi ha detto che dicendo la verità ti fai molti nemici, meglio i nemici che i falsi amici, l’ipocrisia non è per me. Anche se non sono molto tecnologico riesco a gestire al meglio i social…quando leggo commenti poco adeguati faccio finta di non leggerli, ma dopo qualche tempo avvalendomi di qualche bella citazione di qualche autorevole scrittore filosofo,ecc ecc .torno sull’argomento e do le risposte .

Chi la conosceva prima ha dichiarato che ultimamente ha ritrovato un nuovo Mino, a cosa o a chi è dovuta questa sua rinascita?

La mia grande voglia di vivere e riscattarmi sia dal problema di salute, sia da quelle persone che in questi anni mi hanno chiuso le porte in faccia, pur sapendo che il mio unico sostentamento era una pensione di invalido civile che ammonta a circa 500 euro.
The show must go on….(lo spettacolo continua)

Che ruolo ha ed ha avuto, la sua famiglia, nella sua vita?

Anche se non sono stato molto presente, per via dei troppi impegni, devo riconoscere a mia moglie un ruolo importante sia per la conduzione della casa sia per la crescita dei mie due figli, che nel momento del mio problema di salute mi sono stati vicinissimi e mi hanno sempre incoraggiato a riprendere le mie attività.

Avendolo conosciuto di persona, ho potuto apprezzarne la schiettezza e la generosità che certamente è il leitmotiv della sua vita, se potesse togliersi un sassolino dalla scarpa a chi lo lancerebbe metaforicamente? E perché?

Più che un sassolino avrei voglia di lanciare dei massi enormi addosso a certi personaggi che hanno abusato della mia disponibilità che a volte è stata fraintesa come se avessi degli interessi personali,ma la pochezza dei questi personaggi ogni tanto viene alla ribalta,insomma io come disse il cinese seduto sulla riva del fiume: Aspetto il cadavere del mio nemico prima o poi passerà.

Quali sono i suoi progetti per il futuro?

Non ho progetti, però mi piacerebbe perfezionare le mie dirette su facebook, ricreando le condizioni del programma fatto su PUGLIA CHANNEL magari facendolo ripetere da qualche televisione digitale terrestre o meglio ancora satellitare anche collaborando con qualche testata giornalistica. Ma questo ti assicuro è possibile basta crederci….ed io ci credo…the show must go on.

Esclusiva di Crescenza Caradonna


Annunci

Un pensiero su “INTERVISTA CONFESSIONE A MINO BALESTRA: quello che non ha mai detto_di Crescenza Caradonna

Se ti piace l'articolo lascia un commento...grazie!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...